LIBRI

In questa pagina trovate le recensioni dei libri che mi sono piaciuti tanto e che rileggo volentieri.

Se volete consigliarmi qualche libro o volete condividere le vostre impressioni riguardo queste letture, scrivetemi pure cliccando QUI

Libro Accabadora di Michela Murgia - Ed. Super ET

ACCABADORA

“Fillus de anima. È così che chiamano i bambini generati due volte, dalla povertà di una donna e dalla sterilità di un’altra”. Inizia così questo libro meraviglioso, scritto da Michela Murgia.

Acabar significa finire in spagnolo e in sardo l’Accabadora è colei che finisce, l’ultima Madre, quella che aiuta amorevolmente il tuo destino a compiersi, quando la malattia è così avanti che non c’è più nulla da fare. È un libro intenso e profondo, che, come avete capito, parla di tematiche complesse in modo delicato ma molto forte.

Mi è piaciuto tantissimo perché è diretto, senza tanti fronzoli e parla di una Sardegna che non conoscevo, fatta di tradizioni familiari preziose, tramandate per generazioni.

Se dovessi descrivere questo libro con una parola sceglierei dolce-amaro, perché è dolce come il miele delle seadas e amaro come il mirto.

Leggetelo: vi cambierà prospettiva… e se l’avete già letto lasciatemi le vostre impressioni nel commento; il confronto fa sempre bene.

I Guaritori di Campagna - Paola Giovetti - Ed.Mediterranee

I GUARITORI DI CAMPAGNA

In questi giorni sto leggendo questo libro dal titolo: “I guaritori di campagna”, scritto da Paola Giovetti, nota sensitiva italiana.

Il testo raccoglie le testimonianze delle persone dotate della “virtù” di guarire malattie della pelle, fuoco di Sant’Antonio, storte, sciatica, malocchio e molte altre problematiche.

La virtù, cioè la conoscenza delle parole segrete necessarie alla guarigione, si può trasmettere a chiunque ma solo la notte di Natale; di solito viene tramandata ad un familiare. Il dono è invece innato nei settimi (il settimo figlio o figlia) o per le donne che hanno partorito due gemelli (un maschio ed una femmina, non due uguali).

È un libro appassionante, scorrevole e a tratti divertente, che raccoglie una testimonianza preziosa del nostro territorio. Da noi ci sono i “tiraossi”…

Mia nonna invece mi ha insegnato a bruciare un po’ di ulivo benedetto per scacciare la tempesta.

Mi manca molto, ma viene spesso a trovarmi in sogno…  E voi conoscete qualche guaritore nella vostra zona?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: