5 LEGGENDE ISLANDESI

IMG_20200407_151513
Kabbalistic Visions     Marini-Scapini Tarot

Carta di oggi: The Hanged Man 

The Hanged Man mostra una grande balena con la città nella pancia (le questioni pesanti della vita) che però riesce a tramutare e buttar fuori in un arcobaleno magico ricco di pietre preziose colorate.

Vuol dire che ognuno di noi, se vuole, ha dentro di sé un potenziale grandissimo che può uscire allo scoperto.

La balena mi ha fatto venire in mente l’Islanda, un luogo pieno di fascino. La terra del ghiaccio e del fuoco ha infatti molte leggende da raccontare; per questo ho deciso di scriverne 5 in questo post.  L’Islanda di città e di abitanti ne ha molto pochi e per contro (se siete mooolto fortunati) lungo le coste si possono avvistare le balene: le vere signore dei mari.

Anche le pietre nere islandesi sono un po’ magiche. Tenute in mano possono diventare freddissime o caldissime a seconda del momento, perché assorbono o riflettono le nostre energie a seconda del bisogno.

Se state pianificando un viaggio non perdetevi un giretto in questi posti perché ne vale senz’altro la pena. Buona lettura.

P1030546

Hvítserkur, il Rinoceronte/Mammut

Sulla costa orientale della penisola di Vatnsnes, si trova un faraglione di origine basaltica chiamato Hvítserkur. La roccia di conseguenza è tutta nera, ma Hvítserkur in realtà significa “camicia da notte bianca”, perché è completamente sporca dal guano dei gabbiani che nidificano sulla roccia.

C’è chi ci vede un rinoceronte, chi ci vede un drago, chi un Mammut, ma questa roccia alta 15 m deriva da un grande Troll della costa di Strandir, chiamato apunto Hvítserkur.

Una sera egli decise di andare a distruggere le campane di un vicino convento, perché il suono lo esasperava, ma poiché aveva calcolato male la distanza da casa sua al campanile, l’alba lo sorprese prima che gli fosse possibile raggiungere un rifugio, e i raggi del sole lo pietrificarono per sempre.

Da fotografare su tutte le angolazioni!

DSC02398

Grjótagjá – la grotta di Jon Snow e Ygritte

Grjótagjá è una grotta da cui si accede attraverso una spaccatura nella roccia. Una volta individuata la strada per scendere si accede ad una piccola vasca naturale con l’acqua blu calda e fumante.

La zona è quella del lago Mývatn.

Qui è stata girata la scena del Trono di Spade in cui avviene l’incontro amoroso tra Jon Snow e Ygritte. Si dice che un altro Jon visse in questa grotta nel XVIII secolo: Jón Markússon usava la grotta lavica come casa e la sorgente termale come bagno. Era infatti un bandito escluso dalla società e dal Parlamento e per questo vi si nascondeva. La grotta era diventata il suo perfetto rifugio, dato che le credenze popolari le pensavano abitate dai troll e quindi pericolose.

Da non perdere. Attenzione: per quanto la voglia sia irresistibile è proibito farci il bagno!

P1020918

Skógafoss

60 metri di tuffo spettacolare fanno di questa cascata una delle più belle d’Islanda.

La leggenda narra di un forziere pieno d’oro nascosto dentro la cascata da Thrasi, il primo navigatore vichingo che approdò in quella zona. Da quel giorno solo un giovane ragazzo riuscì ad avvicinarsi al tesoro e riuscì anche a legare una corda ad uno degli anelli laterali della cassa, ma tirò con troppa forza e il forziere affondò.

In mano gli rimase solo quell’anello d’argento che presentava incisioni runiche. Mai più nessuno fu tanto coraggioso di cercare il forziere.

L’anello della cassa è oggi custodito nel museo della vicina Skógar.

Ci sono tantissime cascate in Islanda, una più bella dell’altra, ma questa è arricchita da una leggenda di tutto rispetto 😉

DSC02806

Surtshellir

L’islanda è ricca di Lava tube, cioè di grotte scavate all’interno di colate laviche. Quando abbiamo pianificato il viaggio Simone ed io abbiamo subito pensato di infilare i nostri caschetti in valigia, perché eravamo proprio curiosi di vedere caverne come questa.

Shellir significa grotta; Surtr è sia il nome della luna di Saturno, sia una parola norrena che significa “nero” o “quello bruno” e si riferisce ad un Jötunn, un gigante dotato di forza potentissima mangiatore di uomini.

Surtr è predetto come una figura importante durante gli eventi del Ragnarök perché è colui che con le sue fiamme sovraumane inghiottirà la Terra. Da qui il nome della grotta.

Consigliata la visita solo se muniti di caschetto e lampada frontale seria. La roccia è completamente nera e tutto appare ancora più buio del buio.

DSC01706

Gjáin

Questo è un luogo surreale quanto lussureggiante e tra l’altro anche poco battuto dai visitatori.

Il fiume Rosso (Rauðá), visto il colore della roccia tutt’intorno, forma una bellissima cascata che si chiama Gjárfoss.

E’ una terra magica aperta tra il basalto colonnare e una vegetazione dai colori sgargianti.

Qui vivono le fate e gli elfi e se aguzzate le orecchie potete anche avvistarne qualcuno.

Molte sono le case fatate che potete trovare in giro; di solito sono ben mascherate con l’erba, seminterrate o addossate alla roccia.

Sapete che in Islanda c’è la scuola degli elfi? Organizzano proprio dei corsi a tema. Potete darci un’occhiata cliccando QUI!

Spero che questo articolo vi sia piaciuto e se siete stati in Islanda o avete bisogno di info per il vostro magico viaggio scrivetemi pure.

Prima o dopo ci voglio tornare!!!

Le foto come sempre sono state scattate da me o Simone, quindi per cortesia se desiderate usarle, prima almeno chiedete il permesso.

Pubblicato da il_tre_di_coppe_tarot

I Tarocchi e le Sibille sono una costante della mia vita da molti anni. Se ti sei perso lungo sentieri contorti e vuoi trovare la giusta direzione, i Tarocchi sono uno strumento molto potente a cui affidarsi. Il Tre di Coppe è la mia carta preferita, quella che vorrei pescare sempre. Simboleggia la famiglia, il desiderio tramutato in volontà dal quale si raccolgono i frutti. Così lo studio delle discipline olistiche, dalle quali ho imparato che i segnali che riceviamo, non a caso, sono frutto di incredibili coincidenze. Se vuoi avere maggiori informazioni o vuoi una lettura con me, scrivimi un messaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: