IL MUSEO DELLA STREGONERIA IN ISLANDA: STRANDAGALDUR

IMG_20200325_085315

STRANDAGALDUR

E’ questo il nome del piccolo museo della stregoneria che si trova a Holmavik a nord dell’Islanda, dove sono stata nel 2016 in viaggio di nozze.

Ho stressato Simone a sufficienza per decidere di andare in questo remoto paese di quasi 400 abitanti, fuori dal giro classico del “ring”, ma il richiamo di incantesimi e pozioni era troppo forte. La visita è stata interessantissima!

holmavik
Holmavik si trova lì! – Fonte: Google Maps

Ho chiesto alle guide di darmi una carta che rappresentasse questo articolo e coincidenza è uscito l’Asso di Spade. L’Islanda è infatti una terra magica, chiamata appunto del ghiaccio e del fuoco, dove le forze in gioco sono grandi e potenti e dove si sono combattute battaglie per la colonizzazione del territorio (i Vichinghi non scherzavano!!!).

Visto il mutevole paesaggio, non è stato difficile capire perché sia considerato un luogo fantastico dove elfi, gnomi e folletti dialogano costantemente con uomini e animali (soprattutto pecore).

DSC02654
YES! Questa sono io davanti all’ingresso del museo

UN BREVE CENNO STORICO

Fino all’anno 1000 gli islandesi erano pagani, perché così era stato loro trasmesso dai popoli germanici e scandinavi. Si veneravano Thor, Freya e Odino. I riti erano fatti sostanzialmente per motivi pratici: si chiedeva a loro di propiziare il raccolto, di fare in modo che le pecore producessero più latte o che il meteo fosse favorevole. Si chiedeva inoltre di venire accolti con i propri cari defunti nel Valhalla (l’aldilà). Nel caso vedetevi un paio di serie di Vikings, giusto per capire come funzionava …

Dopo l’anno mille la religione ufficiale diventò il cristianesimo; per rendere questo passaggio meno doloroso, cercarono in tutti i modi di fondere le due religioni mescolandone credenze e riti.

In realtà iniziarono a farsi la guerra. Dovete inoltre pensare che all’epoca la vita era durissima (in Islanda fa freddo!!!) e solo i più ricchi vivevano in case di pietra, quindi difendersi non era semplice (oltre al fatto che in Islanda ci sono pochissimi alberi).

CHI PRATICAVA LA STREGONERIA?

Gli uomini! Già, gli stregoni erano tutti uomini. Le donne infatti iniziarono a praticare la stregoneria solo più avanti, dopo il XVII secolo.

Erano loro che possedevano i grimori o i black books (i libri magici) e che sapevano come eseguire gli incantesimi. Il problema fu che i cristiani iniziarono a dar loro la caccia e per questo dovettero scappare. Chi infatti veniva beccato con formule magiche, amuleti o pozioni veniva condannato a morte come praticante di magia nera.

Per questo la maggior parte degli stregoni scappò ad Holmavik e si narra che proprio dove sorge il museo venne compiuta una delle stragi più potenti.

DSC02662
Simbolo di protezione contro il male mandato dalle cattive persone

IL MUSEO

L’edificio è piuttosto piccolo ma contiene una serie di importanti testimonianze alcune delle quali sono veramente macabre.

Gli islandesi utilizzavano quello che offriva il luogo per realizzare i loro riti, quindi lana di pecora, legno, parti di animale o addirittura di uomo.

Vi erano formule molto complicate che prevedevano lunghi tempi di preparazione. Vi risparmio il metodo per realizzarli, che è davvero raccapricciante, ma tra i più famosi vi era la creazione dei Tilberi, o Snakkur, creature soprannaturali usate per rubare il latte oppure dei Nabrok, pantaloni di pelle umana fatti per ottenere denaro in modo continuativo (la sacchetta da cui si prendevano i soldi era fatta con la pelle dello scroto del morto, tanto per intenderci). Vi è anche la formula per resuscitare un morto.

Altri sortilegi erano più “mondani” come quello per aprire i lucchetti, per fare in modo di conquistare una ragazza, propiziare la pesca o per diventare invisibili.

Il simbolo che ho acquistato e che vedete nella prima immagine è ovviamente un antico sigillo magico chiamato The Helm of Ægir.
Si dice offra potenza e protezione contro il male in generale, la rabbia e l’abuso di potere da parte dei capi principali. E’ accompagnata dai seguenti versi: “respingo l’odio dei miei nemici e la furia degli uomini ricchi e potenti.”

Sotto le prossime foto trovate la descrizione in italiano dei vari simboli e degli incantesimi. Buona lettura.

DSC02660
Questi due simboli disegnati su pelle si chiamano Gapaldur e Ginfaxi: il primo veniva messo sotto il tallone del piede destro, il secondo sotto le dita del piede sinistro, per vincere gli scontri di Wrestling islandese chiamato Glima
DSC02657
Angurgapi: simbolo che veniva intagliato sulle estremità delle canne per evitare perdite
DSC02658
Per far innamorare la ragazza dei sogni il ragazzo doveva scrivere questo simbolo con il sangue del suo capezzolo sinistro, sulla pelle di un maiale; poi doveva lasciare che la ragazza ci dormisse sopra per una notte intera. Dopo di che non deva più chiederle nulla.

DSC02655

1466884879669
Incidere questo simbolo in una tavola di quercia o abete rosso per vedere i fantasmi

1466884883047

La foto di sinistra era un simbolo da mettere discretamente sotto la soglia per capire chi era il colpevole; se la persona esitava o tornava indietro lo era, altrimenti no.

L’altra è una pietra magnetica per scoprire chi ti ha rubato qualcosa. I nomi dei sospettati venivano scritti su un foglio e la pietra veniva messa sotto il foglio. La pietra sarebbe andata sul nome del ladro. Un altro modo era di macinare la pietra e mescolarla con un impasto crudo e il vino della comunione, dopodiché si faceva bere questo ai sospettati. Quello che si soffocava era il ladro.

1466884880450
Skelkunarstafur: Simbolo per spaventare i nemici inciso su tavola di quercia
1466884878388
Simbolo per alleviare gli oneri e apportare miglioramenti e conforti in modo pacifico. Era anche un segno di buona protezione.

Sono stata affascinata dalla visita di questo museo e spero un giorno di ritornarci; ci sono ancora molti posti che voglio vedere in questa terra magica piena di leggende e storie fantastiche. Magari ne parlerò in altri articoli più avanti.

Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti, mi fa piacere riceverle. Scrivetemi anche se siete a conoscenza di qualche sortilegio particolare o se anche voi siete stati in Islanda.

Un appunto: le foto sono state tutte scattate da me e Simone e sono di nostra proprietà, eccetto quella della mappa. Se avete bisogno di utilizzarle abbiate la cortesia di contattarmi. Grazie

Pubblicato da il_tre_di_coppe_tarot

I Tarocchi e le Sibille sono una costante della mia vita da molti anni. Se ti sei perso lungo sentieri contorti e vuoi trovare la giusta direzione, i Tarocchi sono uno strumento molto potente a cui affidarsi. Il Tre di Coppe è la mia carta preferita, quella che vorrei pescare sempre. Simboleggia la famiglia, il desiderio tramutato in volontà dal quale si raccolgono i frutti. Così lo studio delle discipline olistiche, dalle quali ho imparato che i segnali che riceviamo, non a caso, sono frutto di incredibili coincidenze. Se vuoi avere maggiori informazioni o vuoi una lettura con me, scrivimi un messaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: